Home Theater: Correggere l’acustica di in una stanza

acustica stanza

Una delle realtà dell’acquisto di un sintoamplificatore AV o di un processore audio surround al giorno d’oggi è che una rapida occhiata alle specifiche, alle funzioni di streaming (o alla loro mancanza) e alle prestazioni non è sufficiente per prendere una decisione d’acquisto informata. Ora più che mai, il tipo di software di correzione ambientale integrato o supportato da un preamplificatore o da un sintoamplificatore probabilmente influisce pesantemente sulla scelta dei componenti audio per l’impianto home theater ed è importante per l’acustica della stanza.

Ai tempi del 5.1 o del 7.1, non era necessariamente così per tutti; ma con l’avvento dei formati audio surround basati su oggetti come Dolby Atmos e DTS:X, dove probabilmente si posizionano diffusori nel soffitto che differiscono radicalmente dal timbro dei diffusori principali o si fa rimbalzare il suono sul soffitto per ottenere l’effetto surround dall’alto, le funzioni di configurazione automatica dei diffusori e il software di correzione ambientale sono quasi una necessità.

Tante Possibilità

All’apparenza, tutti i diversi sistemi di autocalibrazione, da Audyssey ad Anthem Room Correction, da MCACC a YPAO e alle soluzioni più recenti come Dirac, sembrano simili nell’implementazione. Ognuno di essi richiede di posizionare un microfono nella stanza (o nella posizione di ascolto principale o in diversi punti della stanza, a seconda del livello di sofisticazione del sistema) che misura i toni di prova riprodotti da ciascuno dei tuoi diffusori e poi utilizza queste misurazioni per diversi scopi.

In primo luogo, la maggior parte dei sistemi di configurazione automatica dei diffusori regolerà automaticamente i livelli relativi di tutti i diffusori in modo che il centro, i diffusori principali, i surround, i diffusori sopraelevati e il subwoofer suonino tutti allo stesso volume. La maggior parte di essi regolerà anche i punti di crossover tra i diffusori satellite e il subwoofer. Poi farà una stima della distanza di ciascuno dei diffusori dalla posizione di ascolto principale e regolerà di conseguenza le impostazioni di ritardo del ricevitore o del processore. In questo modo, il suono di ciascun diffusore raggiunga le tue orecchie nello stesso momento.

In secondo luogo, queste misurazioni vengono utilizzate per determinare quali effetti deleteri l’acustica della tua stanza sta avendo sulle prestazioni dei tuoi diffusori. I sistemi applicano quindi un’equalizzazione ai diffusori per “correggere” i problemi di risposta in termini di ampiezza.

Sistemi di Correzione Ambientale

I sistemi di correzione ambientale più sofisticati applicano anche dei filtri (a risposta impulsiva finita o a risposta impulsiva infinita o, in alcuni casi come Dirac Live, una loro combinazione) nel tentativo di correggere gli errori di temporizzazione causati dai diffusori e/o dalla stanza. In altre parole, questi filtri sono progettati per compensare il fatto che suoni di frequenze diverse, destinati a raggiungere le tue orecchie contemporaneamente, non lo fanno, per un motivo o per l’altro.

Vale la pena notare, tuttavia, che nessuna correzione digitale dell’ambiente può compensare tutti i problemi acustici di una stanza.

Per capire perché, dobbiamo dividere lo spettro audio in due parti diverse e analizzarle separatamente (scusandoci in anticipo con gli esperti di acustica presenti per la grossolana semplificazione che segue). Da 20 Hz a circa 200 o 300 Hz, le onde stazionarie sono il tuo più grande nemico. Le onde stazionarie sono un prodotto inevitabile del posizionamento dei diffusori in uno spazio chiuso e rettangolare. A queste basse frequenze, le onde sonore riflesse dalla geometria della stanza interferiscono con le onde sonore provenienti direttamente dai subwoofer e/o dai diffusori, provocando un aumento del volume in alcuni punti della stanza e una diminuzione del volume in altri punti, con cali e picchi diversi a seconda della frequenza.

In altre parole, anche se il tuo subwoofer crea suoni a bassa frequenza con lo stesso livello di volume su tutto lo spettro dei bassi, un tono a 50 Hz potrebbe risultare due volte più forte nella tua posizione di ascolto, mentre un tono a 80 Hz potrebbe sentirsi la metà. Se ti sposti in un’altra posizione nella stanza, potrebbe essere vero il contrario (probabilmente non esattamente, ma hai capito il senso).

Tutto questo è determinato principalmente dalle dimensioni e dalla forma della stanza, oltre che dalla posizione dei diffusori. Le onde stazionarie sono inoltre molto difficili (se non impossibili) da combattere con i soli trattamenti acustici fisici, a meno che non si cambi completamente l’architettura della stanza, il che rende la correzione ambientale digitale la soluzione ideale per affrontarle.

Metà del Problema

O forse sarebbe più corretto dire che la correzione ambientale è la soluzione ideale per risolvere almeno metà del problema. Mentre l’equalizzazione è in grado di gestire agevolmente i fastidiosi aumenti dei bassi causati dalle onde stazionarie, non tutti i sistemi di correzione ambientale sono in grado di gestire efficacemente i cali dei bassi causati dalle interferenze. In altre parole, se le dimensioni e la forma della tua stanza fanno sì che, ad esempio, i toni a 80 Hz quasi scompaiano nella tua postazione preferita, la correzione ambientale digitale non è la soluzione migliore per risolvere il problema.

È molto meglio spostare il subwoofer, riorganizzare i mobili o aggiungere un altro subwoofer al sistema: non per generare più bassi, ma per avere una copertura dei bassi più uniforme, con un sub che riempia i vuoti causati dal posizionamento dell’altro. Tuttavia, quando si tratta di combattere i bassi rimbombanti e gonfiati causati dal rinforzo delle onde stazionarie (in altre parole, la cresta di un’onda riflessa incontra la cresta di un’onda diretta proprio in prossimità della posizione di ascolto principale), molti sistemi digitali di correzione ambientale possono fare miracoli.

Al di sopra dei 200 o 300 Hz circa, gli effetti della stanza sulla riproduzione del suono hanno meno a che fare con le dimensioni e la forma dello spazio e più a che fare con le qualità delle superfici al suo interno, ovvero quanto sono riflettenti, assorbenti o diffusive e dove sono posizionate. Qui ci addentriamo in un territorio controverso, perché non tutti sono d’accordo sul fatto che un sistema di correzione ambientale digitale basato su misurazioni microfoniche e curve di equalizzazione calcolate possa risolvere con successo i problemi a queste frequenze.

Come spiega l’ingegnere acustico e presidente di Performance Media Industries Anthony Grimani, “Un microfono omnidirezionale non ascolta come un essere umano. La differenza principale è che un essere umano sente i suoni ad alta frequenza come principalmente direzionali, direttamente dall’altoparlante, e i suoni a bassa frequenza come integrati dall’altoparlante e dalla stanza. E poi, tra le basse e le alte frequenze, c’è una giuntura in cui questi diversi modi di sentire passano gradualmente dall’uno all’altro”. Inutile dire che un microfono non sente le cose in questo modo e che ci vuole molta potenza di elaborazione e un filtraggio sofisticato per compensare questo fatto.

Cosa Dicono gli Esperti

Alcuni esperti di acustica concordano sul fatto che la correzione dell’ambiente non dovrebbe essere applicata al di sopra di questo punto di passaggio, soprattutto perché il nostro cervello è perfettamente in grado di compensare cose come la differenza tra suono diretto e suono riflesso al di sopra dei 200 o 300 Hz. Un grande pianoforte a coda da concerto suona come un grande pianoforte a coda da concerto indipendentemente da dove lo metti; non devi equalizzarlo in modo diverso a seconda delle stanze. Allo stesso modo, sia che io e te parliamo in una camera anecoica o in un bagno pubblico piastrellato, riconoscerai la mia voce come la mia voce. Ecco perché quelli di noi che non sono troppo entusiasti di molti sistemi digitali di correzione ambientale descrivono i loro risultati come “morti” o “noiosi”.

Detto questo, i migliori sistemi digitali di correzione ambientale – quelli con una risoluzione di filtro più elevata e un’applicazione più intelligente dei filtri, e quelli che misurano non solo l’intensità relativa delle diverse frequenze, ma anche il momento in cui queste frequenze arrivano al microfono – possono fare un buon lavoro per contrastare alcuni problemi acustici nelle frequenze più alte. Tuttavia, non sono in grado di risolvere efficacemente problemi come il decadimento del riverbero lungo.

Se suoni la chitarra, probabilmente conosci bene l’effetto che un lungo decadimento può avere sul suono. In caso contrario, siediti nella tua stanza e canta qualche nota. Se la tua voce rimane sospesa nell’aria per un po’, significa che stai ascoltando un decadimento lungo. Oppure puoi metterti al centro della stanza e battere le mani. Se sembra di essere in una cattedrale o in un parcheggio, nessuna correzione digitale dell’ambiente può compensare efficacemente questa situazione. Dovrai investire in trattamenti acustici assorbenti per la tua stanza, sia che si tratti di prodotti professionali che di semplici tendaggi posizionati strategicamente.

Una buona correzione digitale dell’ambiente può, invece, combattere gli artefatti da ringing (un po’ di eco che accompagna i suoni ad alta frequenza). Inoltre, come ho già detto, l’introduzione di formati audio surround basati su oggetti come Dolby Atmos e DTS:X ha reso la correzione ambientale digitale più importante (anzi, più necessaria) che mai.

Conclusioni

Naturalmente, non tutti i sistemi di correzione ambientale digitale sono uguali e non tutti trattano i diversi artefatti acustici allo stesso modo. Per questo motivo vale la pena discutere singolarmente alcuni dei sistemi di correzione ambientale più popolari (e anche alcuni dei più avanzati).
Non si tratta in alcun modo di un elenco completo; l’intento è solo quello di fornirti una panoramica selettiva di alcuni dei diversi sistemi di correzione ambientale in cui potresti imbatterti durante l’acquisto di un nuovo sintoamplificatore o processore AV e di come è cambiato il mercato negli ultimi anni.

Audyssey

Audyssey, Ultra Experience

Forse non compare più su tanti prodotti come un tempo, ma Audyssey è ancora il primo nome che ti viene in mente quando pensi alla “correzione ambientale”. La piattaforma Audyssey è presente in prodotti che vanno dai sintoamplificatori AV Denon di fascia media ed entry-level al controller di sistema SC-1 di Wisdom Audio da 6.000 dollari. Naturalmente, le due estremità dello spettro non sono coperte esattamente dalla stessa tecnologia Audyssey. La calibrazione automatica dell’azienda è disponibile in diverse varianti. Fortunatamente, la soluzione più semplice, 2EQ, sembra essere stata eliminata. Il 2EQ, ignorava completamente le basse frequenze che traggono maggior beneficio dalla correzione digitale dell’ambiente e presentava un numero limitato di filtri per le alte frequenze.
La soluzione MultEQ standard migliora un po’ le cose, con un numero doppio di filtri per le alte frequenze e una correzione necessaria per le basse frequenze ma a detta di molti sembra che il MultEQ faccia più male che bene alle frequenze medie e alte in una stanza acusticamente accettabile.

Se però si passa al MultEQ XT, il discorso si fa serio. Con una risoluzione del filtro per le alte frequenze otto volte superiore a quella del MultEQ, l’XT consente un’equalizzazione più precisa e, di conseguenza, un suono meno elaborato, meno privo di vita e più spazioso. Inoltre, consente otto posizioni di misurazione (rispetto alle sei del MultEQ). Un maggior numero di posizioni di misurazione significa che il sistema ha una visione più completa dell’intero spazio di ascolto, consentendogli di prendere decisioni più intelligenti sui problemi da correggere o meno.

Per la maggior parte dei consumatori, il MultEQ XT32 – solitamente incluso solo nei sintoamplificatori di fascia alta – è davvero un ottimo prodotto, con una risoluzione del filtro per le alte frequenze 256 volte superiore a quella del MultEQ e una risoluzione del filtro per i bassi quattro volte superiore. Come MultEQ XT, anche questo sistema offre otto posizioni di misurazione e, come MultEQ XT, consente agli installatori professionisti di accedere a MultEQ Pro, un kit che include un microfono e un preamplificatore di livello professionale e che permette di effettuare fino a 32 misurazioni nella stanza.

MultEQ Pro consente inoltre all’installatore di comporre curve di equalizzazione personalizzate più adatte all’ambiente di ascolto e alle preferenze dell’utente, piuttosto che le curve di equalizzazione uniche di 2EQ, MultEQ, XT e XT32.

Al giorno d’oggi, se trovi Audyssey in un nuovo sintoamplificatore, molto probabilmente si tratta di un Denon o di un Marantz, che ora raggruppano il sistema di correzione ambientale insieme ad altre tecnologie Audyssey in quattro livelli denominati Audyssey Bronze, Silver, Gold e Platinum. Il Bronze include MultEQ, Dynamic Volume e Dynamic EQ. Il Silver include MultEQ XT, Dynamic Volume e Dynamic EQ. Anche il Gold include MultEQ XT, oltre a Dynamic Volume, Dynamic EQ e Dynamic Surround Expansion. L’Audyssey Platinum aumenta il livello di MultEQ XT32, Volume dinamico, EQ dinamico, Espansione surround dinamica, Sub EQ HT e Contenimento delle basse frequenze.

I nuovi sintoamplificatori Denon e Marantz sono stati aggiornati per supportare l’App MultEQ Editor per iOS e Android che ti permette di regolare le curve di destinazione e di impostare una frequenza massima di equalizzazione al di sopra della quale l’equalizzazione non viene applicata. Al momento in cui scriviamo, l’applicazione da 19,99 dollari per iOS e Android è ancora piuttosto nuova, quindi aspettati alcuni bug e problemi, ma si tratta di un enorme passo avanti verso l’attenuazione di molte delle preoccupazioni che le persone hanno nei confronti di Audyssey.

Dirac Live

Dirac, Ultra Experience
Ecco una delle molte schermate offerte da Dirac per analizzare la ‘risposta’ della stanza

Dirac è uno dei sistemi di correzione ambientale più apprezzati, ma appare anche su nuovi apparecchi a un ritmo sempre più elevato. Puoi trovare il sistema su tutti gli apparecchi, dall’XMC-1 di Emotiva al prossimo processore home theater RMC-1, fino all’RS20i da 23.000 dollari di DataSat, passando per le offerte di Arcam, AudioControl, Lexicon, NAD, StormAudio e Theta Digital.
Inizieremo a vederlo presto su altri sintoamplificatori di massa? Forse.

Una cosa distingue Dirac dai sistemi di correzione ambientale presenti nella maggior parte delle unità consumer: il fatto che richiede un computer Windows o OS X per funzionare. È anche un po’ più complicato rispetto alla maggior parte dei sistemi di correzione ambientale di base, in quanto richiede di regolare il guadagno in ingresso e in uscita prima di eseguire le misurazioni; inoltre, se si verifica un clipping in qualsiasi punto del processo, devi fare marcia indietro e apportare le dovute modifiche. Il software ti permette anche di modificare le curve di destinazione per coppia di canali (o singolarmente per il diffusore centrale e i subwoofer) e di impostare facilmente una frequenza massima oltre la quale non viene applicata alcuna correzione.

Come Audyssey (ma a differenza di altri sistemi di correzione ambientale molto apprezzati, come Anthem Room Correction), Dirac Live lavora nel dominio del tempo, il che significa che non si limita a modificare l’equalizzazione dell’uscita del processore o del ricevitore, ma applica filtri che compensano la distorsione temporale. A differenza di Audyssey, che si basa su filtri a risposta d’impulso finita, Dirac Live utilizza filtri a fase mista per ottenere un allineamento temporale o una correzione della risposta d’impulso superiori. Alla luce di ciò e della mia ulteriore esperienza con (e comprensione di) Dirac Live, ho recentemente cambiato il modo in cui utilizzo il software. Fino a poco tempo fa, scolpivo i miei filtri per applicare la correzione non oltre i 400 o 500 Hz. Oggi mi accorgo di ottenere risultati migliori applicando filtri che coprono l’intera gamma di frequenze udibili, ma passo molto più tempo a scolpirli.

Al di sotto dei 400 o 500 Hz circa, lascio che sia Dirac a stabilire i propri punti di curva. Al di sopra di questa regione, creo una curva che traccia con molta attenzione le linee generali della risposta in ambiente dei miei diffusori, smussando al tempo stesso le oscillazioni più evidenti. In altre parole, mantengo la voce dei miei diffusori alleviando i danni causati dalla stanza e applico una correzione temporale all’intera gamma di frequenze udibili.

Dato che richiede nove punti di misurazione del microfono che formano una sorta di cubo allungato (sì, devi alzare e abbassare il microfono mentre lo muovi in avanti, indietro e da un lato all’altro), oltre al fatto che le schermate di misurazione e di creazione dei filtri possono essere piuttosto dense di dati e scelte, Dirac Live non è per i deboli di cuore. Ma al momento è al primo posto tra i sistemi di correzione ambientale preferiti dai professionisti del settore.

Correzione d’ambiente Anthem

A pari merito con il primo posto? Il sistema di correzione ambientale proprietario di Anthem. ARC è ovviamente limitato all’uso con i preamplificatori e i ricevitori Anthem, oltreché coi sistemi musicali wireless e le soundbar di Paradigm e MartinLogan. Come detto, l’ARC non lavora nel dominio del tempo ma, a mio parere, riesce a gestire le onde stazionarie meglio di qualsiasi altro sistema di correzione ambientale, persino di Dirac.

Nella sua forma più completa, ARC richiede l’uso di un computer Windows e il microfono in dotazione è una bestia rispetto ai piccoli microfoni a forma di cappello da hockey forniti con la maggior parte dei sistemi di correzione ambientale. L’uso di un computer fornisce ad ARC molta più potenza di elaborazione per effettuare le misurazioni e creare i filtri. Forse grazie a questo fatto, ARC non ha mai mancato di azzeccare perfettamente i punti di crossover e i livelli dei diffusori nelle decine di volte in cui l’ho utilizzato sia sul mio processore D2v 3D che su tutti i ricevitori dell’azienda che ho avuto modo di provare.

Quello che mi piace davvero di ARC, però, è che ti permette di prendere ogni tipo di decisione in merito alle pendenze del crossover, al guadagno della stanza e, naturalmente, alle frequenze massime di equalizzazione. Nel mio home theater principale, con l’Anthem D2v 3D, ho sempre trovato ideale un’equalizzazione massima di circa 400 Hz. Nel mio home theater secondario sul retro della casa, ho impostato l’equalizzazione massima del mio Anthem MRX 1120 a 600 Hz in modo che il sistema possa gestire senza problemi un picco in quella stanza intorno ai 500 Hz.

Va notato anche che, fino al rilascio dei ricevitori MRX di seconda generazione, Anthem non ha dato ad ARC nomi diversi per le sue diverse implementazioni. Se si utilizzava ARC sul D2v, questo funzionava al massimo delle sue capacità; se si utilizzava ARC sugli MRX 500 o 700 di prima generazione si ottenevano le stesse misurazioni, ma si applicavano meno filtri. Inoltre, originariamente ARC richiedeva che la connessione tra il PC e il pre/pro o il ricevitore avvenisse sotto forma di connessione RS-232, il che richiedeva l’uso di un adattatore USB-seriale per la maggior parte degli utenti.

Con l’introduzione dei nuovi ricevitori MRX 510 e 710, Anthem ha debuttato anche ARC M1 (ora conosciuto semplicemente come ARC 2), che si avvantaggia di un maggior numero di filtri per i ricevitori (non così tanti come quelli di cui è capace il D2v, ma comunque più numerosi), oltre a una calibrazione più veloce e a funzionalità di rete. L’azienda ha anche recentemente introdotto ARC per dispositivi iOS, che forse non beneficia della stessa qualità di microfono e funzionalità, ma sicuramente offre una maggiore intuitività e facilità d’uso.

Trinnov

Acoustic Correction è il nome che Trinnov dà al suo sistema di correzione ambientale, e a tutti gli effetti dovrei odiarlo. Trinnov lavora non solo nel dominio della frequenza e del tempo, ma anche in quello spaziale. Il microfono incluso è in realtà un array di microfoni che include una freccia che deve essere puntata direttamente sullo schermo.

Durante le misurazioni, il sistema mappa la posizione dei tuoi diffusori in tre dimensioni e può spostare la posizione percepita di uno o più diffusori per compensare una collocazione non ideale. Può prendere i diffusori anteriori destro e sinistro che sono troppo vicini tra loro o troppo distanti e spostarli virtualmente a una distanza perfetta di 22,5 o 30 gradi dal canale centrale.

Può persino portare l’immagine del diffusore centrale al livello dei diffusori principali destro e sinistro se è posizionato troppo in basso (o, per carità, in alto) rispetto al televisore. L’effetto è davvero inquietante e, ancora una volta, sulla carta, non mi piace affatto l’idea. Ma in pratica è fantastico. Qualche anno fa ho recensito un ricevitore Sherwood Newcastle che includeva il Trinnov Optimizer e mi sono assolutamente innamorato dell’effetto.

Il sistema, nella sua forma più recente, offre anche una correzione della risposta impulsiva e magnitudo alla pari (o tecnicamente migliore) di Dirac Live e consente di utilizzare tutti i tipi di strumenti per modellare la curva di destinazione che ho descritto nella panoramica di quel sistema, a un livello ancora più fine.
C’è però un’avvertenza importante. Al di fuori di sistemi selezionati come il costosissimo processore SDP-75 di JBL Synthesis, Trinnov Optimizer è disponibile solo sui costosi preamplificatori a 16 o più canali di Trinnov.

AccuEQ

Negli ultimi anni, Onkyo e Integra sono passate dall’essere licenziatarie di Audyssey all’introdurre un proprio sistema di correzione ambientale denominato AccuEQ. Le prime implementazioni del sistema erano a dir poco carenti, poiché non applicavano l’equalizzazione ai diffusori anteriori o al subwoofer. Le versioni più recenti, però, sono migliorate notevolmente e nella sua forma attuale AccuEQ è davvero molto valido. Un aspetto che distingue il sistema è che esegue due serie di misurazioni. Il primo ciclo viene utilizzato per regolare i livelli, i ritardi e i crossover, mentre il secondo viene utilizzato per calcolare le curve di equalizzazione. Secondo la mia esperienza, a differenza delle precedenti implementazioni di AccuEQ, la versione più recente del software esegue la maggior parte della correzione sulle frequenze basse, lasciando inalterate le frequenze medie e alte. Tuttavia, fatica un po’ a impostare correttamente le frequenze di crossover, quindi preparati a modificarle manualmente.

Pioneer MCACC

Il MCACC (o Advanced MCACC) è il sistema di correzione ambientale proprietario di Pioneer, che è migliorato notevolmente negli ultimi anni. Attualmente è disponibile in tre varianti. La versione di base di MCACC, senza etichetta, si limita a misurare i diffusori, bilanciare i livelli, impostare il crossover, modificare le impostazioni rudimentali dell’equalizzazione e applicare la correzione di fase al subwoofer. D’altra parte, non fa nulla per combattere le onde stazionarie, poiché non viene applicata alcuna equalizzazione al subwoofer. MCACC avanzato e MCACC Pro, invece, lo fanno.

L’Advanced MCACC aggiunge anche il controllo di fase per ogni diffusore, un’equalizzazione più avanzata (compresa l’equalizzazione del sub) e alcune caratteristiche come il controllo della polarità dei diffusori. MCACC Pro è il pezzo forte, con funzioni avanzate come l’Auto Phase Control Plus (filtri che applicano la correzione temporale in modo selettivo su tutta la gamma di frequenze), la misurazione e la correzione indipendente dei subwoofer, la gestione avanzata dei bassi per i sistemi surround basati su oggetti e lo strumento Precision Distance che ti permette di regolare le distanze dei diffusori (e quindi i ritardi) a livello millimetrico.

Sto facendo una pura speculazione, ma mi chiedo per quanto tempo ancora MCACC resterà in circolazione. Non dico che Pioneer sia un problema, né che MCACC presenti delle carenze rispetto ad altre soluzioni proprietarie di Onkyo, Yamaha, Sony e simili. Questa considerazione si basa esclusivamente sul fatto che Pioneer ha recentemente sviluppato un rapporto di collaborazione con Dirac, in base al quale la prima funge da distributore del software della seconda in Giappone.

YPAO (Yamaha Parametric Room Acoustic Optimizer)

YPAO, come avrai intuito dal nome, è il sistema di configurazione ambientale proprietario di Yamaha. È disponibile in due varianti: una chiamata semplicemente YPAO e l’altra YPAO R.S.C. La prima misura i livelli e i ritardi dei diffusori e applica l’equalizzazione parametrica con vari gradi di successo. YPAO R.S.C. invece applica anche filtri di risposta all’impulso per combattere il suono riflesso. Più recentemente, Yamaha ha aggiunto la possibilità di modificare le proprie impostazioni di equalizzazione parametrica su YPAO R.S.C., con i filtri di risposta all’impulso che vengono copiati dalle sue impostazioni calcolate.

Probabilmente oggi troverai YPAO solo sugli AVR Yamaha dal prezzo più basso, mentre YPAO R.S.C si trova più comunemente dai livelli medi in su. Se sei alla ricerca di un sintoamplificatore Yamaha, c’è un’altra cosa fondamentale da considerare: L’R.S.C. YPAO è disponibile in due varianti. Una con misurazioni multi-punto e una che misura da una sola posizione di seduta. A mio parere, quest’ultimo non fa un ottimo lavoro con i livelli e le distanze, quindi probabilmente vale la pena passare a un modello con misurazioni multi-punto. A meno che tu non intenda impostare il tuo sintoamplificatore in modo completamente manuale.

Calibrazione automatica del cinema digitale (DCAC)

Un altro sistema di correzione ambientale proprietario presente nei sintoamplificatori di massa è il DCAC di Sony (disponibile in varianti come DCAC EX e ADCAC). Questo sistema è francamente un po’ un mistero per me, dato che Sony non pubblica molte informazioni chiare su cosa fa e come funziona. Per quanto riguarda la mia esperienza, si tratta di un sistema che funziona male o male e le impostazioni del livello e della distanza dei diffusori necessitano sempre di qualche modifica. Inoltre, il nuovo doppio microfono che viene fornito con unità come l’STR-ZA5000ES può fornire risultati di misurazione molto incoerenti da un’esecuzione all’altra, anche con il microfono posizionato nella stessa posizione. L’unico aspetto positivo del DCAC è che sembra non alterare il segnale al di sopra dei 500 Hz o giù di lì. L’aspetto negativo è che a volte le impostazioni calcolate automaticamente possono esacerbare i problemi di onde stazionarie, vanificando completamente lo scopo. In definitiva, l’unica cosa di cui il DCAC potrebbe davvero beneficiare è la possibilità di effettuare misurazioni multiple, ma tutti i ricevitori Sony che ho recensito finora consentono una sola posizione del microfono.

Room EQ Wizard

Una soluzione popolare per gli amanti del fai-da-te, Room EQ Wizard (o REW) non è per i deboli di cuore. Tuttavia, se hai un ricevitore che ti permette di comporre le tue impostazioni di equalizzazione parametrica e non ti dispiace scavare in profondità, offre risultati piuttosto sorprendenti. REW richiede l’acquisto di un’interfaccia audio USB. In questo caso, PreSonus AudioBox è una scelta molto popolare, ma anche altre interfacce come la Tascam US-2 2 funzionano benissimo, a patto di avere l’alimentazione phantom. In più, riciede un microfono calibrato (come il microfono Behringer ECM8000, se stai cercando un’opzione economica). E il bello è che il software stesso è gratuito. Anche in questo caso, può essere un’opzione scoraggiante all’inizio, dato che il software non ti prende minimamente per mano, ma ci sono tonnellate di ottimi video tutorial e file di aiuto esaustivi sul sito web di REW.

Perfect Bass Kit

Paradigm/Anthem ha anche un altro sistema di correzione ambientale proprietario chiamato Perfect Bass Kit, che come avrai capito funziona solo sui sub Paradigm e MartinLogan. Consideralo come una versione semplificata di ARC (con connessioni semplificate; include lo stesso microfono USB di ARC e richiede solo una connessione USB dal computer al subwoofer). Il vantaggio del PBK è che applica la correzione dell’ambiente dove la stanza ne ha più bisogno: nelle frequenze basse. L’aspetto negativo, ovviamente, è che si applica solo al canale del subwoofer, che probabilmente viene attraversato a 80 Hz dal tuo processore. Quindi non si possono rilevare problemi nei canali principali che generano bassi tra la frequenza di crossover e quel punto critico tra i 200 e i 300 Hz in cui le onde stazionarie possono affliggere le prestazioni dei bassi superiori.

EQ ambiente Sunfire

Sunfire non ha un nome elegante per il sistema di equalizzazione ambientale incluso in molti dei suoi subwoofer, ma non ne ha bisogno. È veloce. È semplice. Fa il suo lavoro e risolve la maggior parte dei problemi acustici delle stanze. Ma, come nel caso del PBK, può applicare la correzione solo fino al punto di crossover tra i subwoofer e i satelliti.

Come già anticipato, questo elenco non tiene conto di molti altri sistemi di correzione ambientale degni di nota, dall’ARCOS di HARMAN al RoomPerfect di Lyngdorf. Così come l’eccellente MRC di Meridian, oltre ad altre soluzioni per soli bassi come l’SMS-1 di Velodyne.

Per ulteriori informazioni o per una dimostrazione pratica di correzione ambientale basta un’e-mail, una telefonata al numero 0445.1911502 o una chat.

Buone prove!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *