Media Room vs Home Theater

Le case moderne si avvalgono sempre più spesso della domotica, ovvero della possibilità di mettere in rete i vari elettrodomestici per semplificare le usuali operazioni quotidiane e per ottimizzare i consumi. C’è però uno specifico tipo di tecnologia che già da tempo ha trovato il suo spazio precipuo negli appartamenti, ed è quella legata all’entertainment. A chi vuole godere di un’esperienza a 360 gradi quando vede un film e ascolta musica, non basta avere solo un televisore o un buon impianto stereo. C’è bisogno di tutta una vasta gamma di attrezzature tecnologiche che devono essere collocate nell’ambiente prescelto in modo armonioso ma anche funzionale.
Ecco allora che potresti trovarti davanti a due opzioni possibili nell’arredo di una stanza in cui includere i device multimediali: optare per un tradizionale home theater oppure per una più moderna e versatile media room. Analizziamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche di queste due soluzioni e quali i pro e i contro dell’adottare l’una o l’altra.

L’home theater: vantaggi

L’home theater è l’opzione più tradizionale, un tempo adottata soprattutto negli appartamenti più ampi e lussuosi in cui era possibile dedicare un’unica stanza all’intrattenimento video. In pratica si tratta di una piccola sala cinematografica casalinga, con schermo a parete e videoproiettore, impianto Dolby Surround e sedie adatte alla visione cinematografica. Con il tempo l’home theater è entrato a far parte anche della dotazione di case più modeste, man mano che le tecnologie video e audio sono diventate più accessibili: basta avere uno scantinato in cui poter creare pareti insonorizzate e il gioco è fatto.
I pro di questa soluzione sono evidenti. Essendo una stanza dedicata solo ed esclusivamente alla visione di film, la puoi arredare e decorare come il proprietario desidera. Ad esempio, potrebbe essere un patito dei film di Star Wars e quindi voler appendere alle pareti poster e oggetti a tema. Oppure, potrebbe volere non delle semplici sedie per guardare i film, ma delle poltroncine come quelle di un vero cinema, con tanto di supporto per le bibite. Insomma, in un home theater si può personalizzare l’esperienza di visione al massimo, senza contare il lato puramente pratico. In una stanza insonorizzata si può alzare il volume fino ad avere l’effetto cinematografico del Dolby Surround senza disturbare gli altri inquilini né tanto meno i vicini.

L’home theater: svantaggi

Veniamo ora ai contro. Una stanza home theater priva l’ambiente domestico di uno spazio che potrebbe essere usato diversamente, e quando i metri quadri complessivi non sono poi tantissimi è un elemento da tenere in considerazione. Inoltre questa stanza rende chi passa del tempo al suo interno completamente isolato rispetto al resto della casa. L’home theater è un luogo ove si possono vedere i film e basta, e questo può apparire limitante. C’è poi chi dice che costruirsi un cinema a casa sia da asociali… ma questa è una considerazione di cui non devi tenere conto, perché l’ultima parola spetta al proprietario della casa che può usare i suoi spazi come meglio crede!

Media room: vantaggi

Analizziamo quindi quali sono le caratteristiche di una media room e scopriamo perché al giorno d’oggi, in genere, è la soluzione più adottata. Diciamo che una prima motivazione la troviamo nella grande evoluzione che la tecnologia ha avuto negli ultimi anni. I dispositivi per la riproduzione audio e video sono sempre più sofisticati e anche discreti. Inoltre spesso sono decisamente belli e non sfigurano come pezzi di arredo. Una media room è in sostanza una stanza ibrida, magari un living o una cucina-soggiorno, in cui vengono installati i supporti per guardare film, ascoltare musica, giocare ai videogiochi e dedicarsi a tutte le proprie attività di intrattenimento preferite. In questo caso non si adotta la soluzione schermo+proiettore, ma si opta per una smart tv d’arredo che può anche fungere da semplice soprammobile quando, ad esempio, si dà una festa, per poi essere usato come schermo cinematografico quando invece si preferisce trascorrere una serata tranquilla guardando un bel film. Il vantaggio di questa opzione è altrettanto evidente: infatti non si deve dedicare uno spazio solo alla visione cinematografica, ma si crea un ambiente aperto in cui poter tenere sott’occhio i bambini che giocano, o conversare con gli amici bevendo un cocktail, oppure cucinare mentre si guarda un film.

Media room: svantaggi

Gli svantaggi sono altrettanto evidenti: la personalizzazione non potrà mai raggiungere i livelli di un home theater, perché la stanza resta comunque una di quelle principali della casa il cui arredo si deve armonizzare con il resto. Non si potrà adottare un impianto sonoro troppo potente, perché in questo caso l’ambiente non è insonorizzato e si potrebbe quindi recare disturbo al vicinato. In compenso però si possono svolgere molte più attività, come dedicarsi ai videogames o ascoltare musica.

Conclusioni

In conclusione, non c’è una soluzione migliore dell’altra in assoluto: la scelta dipende dalle esigenze specifiche del committente e dall’effetto finale che vuole ottenere. L’home theater è ideale per chi desidera ricreare la perfetta illusione del cinema; la media room è pensata per chi vuole usare i suoi passatempi multimediali preferiti restando comunque in contatto con il resto della casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *